Home..........................................TORNA AL 2019


 

 

 

 

DICEMBRE 2019


IL TRAIL CI REGALA QUATTRO TITOLI REGIONALI
La 7Colli Urban Trail (Tortona, 15 km con 450 metri di dislivello), 14.ma ed ultima prova dell' Ecopiemonte e Campionato Regionale Urban Trail, regala alla Vittorio Alfieri quattro titoli di Campione Regionale di Trail.
Indossano la maglietta arancione di Campione Regionale
:
Nicholas Bouchard
nella categorie Promesse (1 ora 00.44)

Paolo Musso nella categoria SM55 (1.10.33)
Laura Demaria, prima nella categoria Juniores (1.20.33)
Marilena Borretta, vincitrice tra le F65 (1.44.07)
Erano presenti in questa ultima prova del Trofeo Ecopiemonte, in cui la nostra società è molto ben piazzata (sicuramente sul podio dopo una estenuante competizione durata tutta la stagione), anche i seguenti podisti:
Davide Elli 1.10.05, Christian Dal Col 1.16.22, Paolo Rossotto 1.16.23, Federica Collino 1.20.09, Domenico Guglielminetti 1.25.36, Salvatore ALiotta 1.26.04, Danilo Curletti 1.31.56, Claudio Vercelli 1.45.04.


Nelle foto: Davide Elli e Nicholas Bouchard, la squadra femminile al completo, Paolo Musso sul podio



Nello stesso giorno a Trino (Vercelli) la 12.ma Maratona Terre d'Acqua, in armonia con il suo nome corsa sotto la pioggia. Vincenzo Ippolito lima il personale di Canelli migliorandosi di una decina di secondi, bene anche Massimo Mansella che toglie un paio di minuti al suo miglior tempo dell'anno.
Risultati: Vincenzo Ippolito 1.23.56, Massimo Mansella 1.25.24, Roberto Penna 1.27.13, Biagio Mansella 1.46.44, Giuseppe Bagarolo 2.02.14



VITTORIO ALFIERI PREMIATA DAI VETERANI SPORTIVI
E' successo venerdì 29 novembre nell'Aula Magna del Polo Universitario Uni-Astiss, dove la nostra società ha ricevuto il prestigioso PREMIO FIACCOLA 2019 nella categoria ORGANIZZAZIONE GRANDI EVENTI, ovviamente si tratta della STAFFETTA 24 x 1 ORA che il prossimo marzo celebrerà la sua 46.ma edizione.

 

Nella foto la consegna del premio a Michele Anselmo e Giorgio Fracchia in rappresentanza della società.

Premiati anche i nostri atleti che nel corso del 2019 hanno ottenuto risultati di valore, a cominciare da Filippo Iacocca, Campione Italiano Cadetti d lancio del martello, e poi Francesca Juri, Piercarlo Molinaris e Luciano Mazzetto, collezionisti di medaglie d'oro ai Campionati Italiani Master (nella foto).








Giovanissimi al ristoro dopo la proiezione del filmato delle loro gare di questa stagione
(sabato 30 novembre)
















ALLA VITTORIO ALFIERI LA STELLA D'ORO AL MERITO SPORTIVO

Venerdì 6 dicembre al Teatro Alfieri la nostra società è stata insignita dal CONI di questo ambito trofeo, che è il massimo riconoscimento che il Comitato Nazionale riconosce ad una società sportiva.
In passato la Vittorio Alfieri aveva già ricevuto la stella di bronzo e successivamente la stella d'argento, si completa così questo prestigioso ciclo di onorificenze per celebrare i 67 anni di attività della più vecchia società astigiana, fondata nel 1953 da Luciano Fracchia e da Carlo Mosso.
Questi sono solo tre
numeri per riassumere oltre mezzo secolo di storia e di successi:
- 2950 atleti hanno indossato la maglietta verde della nostra società in questi 67 anni di vita
- 38 maglie azzurre indossate dai biancoverdi, l'ultima proprio oggi (8 dicembre) a Lisbona da Yassin Choury nei Campionati Europei di cross
- 25 titoli di Campione Italiano, l'ultimo solo un mese fa con Filippo Iacocca, vincitore del Criterium Nazionale Cadetti a Forlì.
E poi un grande numero di altri successi individuali e di squadra
, tra i quali spicca il titolo di Campione Italiano Assoluto di Società che i nostri decathleti ottennero nel 1977.


Nelle foto la stella d'oro: la consegna del premio da parte del Presidente Piemontese del Coni Gianfranco Porqueddu a Giorgio Fracchia e al nostro Presidente Silvia Binello, in rappresentanza della società.
Nella foto storica del 1951 i due fondatori della Vittorio Alfieri, Carlo Mosso (primo a sinistra) e Luciano Fracchia (primo a destra)







YASSIN CHOURY IN MAGLIA AZZURRA
Quasi inattesa e proprio allo scadere della stagione è arrivata la convocazione nella squadra azzurra di Yassin Choury, fondista di grandi doti allenato da Fabrizio Marello. Diciamo inattesa perchè l'atleta era da tempo lontano dalle piste di atletica, ma ha saputo cogliere il momento opportuno per realizzare quello che è sicuramente il sogno più ambito per un atleta, indossare la maglia azzurra in rappresentanza dell' Italia in un grande evento internazionale.
Yassin, junior al secondo anno di categoria, ce l'ha fatta dopo aver superato le due prove di selezione per la convocazione nella squadra italiana.
Ai primi di novembre a Sgonigo (Trieste) l'atleta si era qualificato al sesto posto nella prova di cross ipotecando, ma non in modo definitivo, la sua promozione nella squadra (vengono selezionati i migliori sei juniores italiani). Due settimane dopo ad Osimo (Ancona, 24 novembre) nella seconda ed ultima prova arriva per Yassin un settimo posto che lasciava ancora aperte le speranze, poi la bella notizia della sua promozione per Lisbona; è la 38.ma maglia azzurra nella storia della nostra società, un anno dopo l'impresa di Erica Ghelfi nella corsa in montagna.
Nella foto Yassin in gara
Domenica 8, a Lisbona, l'atleta ha portato a termine la sua prova riservata alla categoria Junior contro i migliori atleti europei, chiudendo i 6,225 km all'87.mo posto in 20.46, a poco più di due minuti dal vincitore, il norvegese Ingebrigsten.



La partenza della PORTACOMARO-CREA, anticipata quest'anno al 7 dicembre e in formato ridotto per la concomitanza con la corsa di Piazza Medici del giorno dopo.
.









Tanti primati personali nell'ultima gara indoor del 2019, domenica 15 al
Palaindoor di Bra, dedicata ai giovanissimi.
Per alcuni è stata l'ultima occasione per migliorarsi negli ostacoli prima del cambio di categoria, tra questi Marta Fassio che scende a 11.11 nei 60hs e si migliora nei piani. Tutti i nostri vanno al personale nella gara di velocità pura. Miglior piazzamento nel biathlon per Marta Fassio, sesta tra le ragazze, e per Luca Hassan tra i Ragazzi.
Risultati:
Biathlon (60 piani + 60 hs)
Marta Fassio 1326 punti (9.29 + 11.11)
Sara Carriero 1010 punti (9.78 + 12.72)
Giulia Giulivi 926 punti (9.76 + 13.41)
Luca Hassan 975 punti (9.14 + 10.95)
60 piani: Piero Rolfi 8.79, Stefano Monticone 9.16




Il 67.mo anno di vita della Vittorio Alfieri è stato celebrato sabato 14 a Villa Fernanda con la tradizionale PREMIAZIONE di fine anno. Il 2019 ha portato ai nostri colori alcuni risultati individuali di altissimo livello, culminati con la convocazione in maglia azzurra dello Junior Yassin Choury (nella foto con i genitori) in occasione dei Campionati Europei di cross a Lisbona; con la conquista del titolo di Campione Italiano Cadetti per merito del giovanissimo Filippo Iacocca (nella foto), vincitore del Criterium Nazionale a Forlì; e con le grandi imprese cronometriche di Jospeph Twumasi, confermatosi tra i migliori juniores italiani nelle prove di velocità.
Poi ancora Matteo Crivelli con i suoi nove primati provinciali nel martello e Federica Parigi, seconda ai Campionati Italiani Indoor Allieve nel salto in alto.
Meno entusiasmante quest'anno il nostro rendimento come società: la Vittorio Alfieri in pista perde posizioni a livello regionale nei vari Campionati di Società e per tutte le categorie di età, ad eccezione del settore Master sempre in evidenza in Piemonte.
Molto attivo anche il settore corse su strada e montagna; grazie all'operato di Paolo Musso la Vittorio Alfieri si conferma ai vertici regionali nelle due principali manifestazioni dedicate, il Trofeo Ecopiemonte e il Corripiemonte.

FOTO






Il 2019 si chiude nel cuneese, con la XX edizione della Dronero/Sant'Anna di Roccabruna. Non poteva mancare Domenico Guglielminetti, che ha così portato a termine la sua 60.ma corsa dell'anno, consolidando la sua leadership sociale in questa classifica di presenze.
Laura Demaria è sesta in campo femminile. Poi Marilena Borretta e Claudio Vercelli, che sono i podisti biancoverdi che nella loro carriera hanno corso più di tutti: per Claudio il primo posto assoluto con 1670 corse disputate in 36 anni di storia, per Marilena, che ha iniziato solo cinque anni fa, 301 corse che la mettono al primo posto nella classifica femminile.